Sabine Weiss. La poesia dell’istante, alla Casa dei tre Oci

sabine weiss
A Venezia il primo tributo internazionale alla fotografa franco-svizzera scomparsa a novantasette anni nella sua casa di Parigi il 28 dicembre 2021.

Alla Casa dei Tre Oci di Venezia, fino al 23 ottobre 2022, è in corso la più ampia retrospettiva mai realizzata finora, la prima in Italia, dedicata alla fotografa franco-svizzera Sabine Weiss. L’artista, scomparsa all’età di novantasette anni nella sua casa di Parigi lo scorso 28 dicembre 2021, è tra le maggiori rappresentanti della fotografia umanista francese insieme a Robert Doisneau, Willy Ronis, Edouard Boubat, Brassaï e Izis.

Fin dall’inizio, Sabine Weiss, come testimoniano le foto in mostra, dirige il suo obiettivo sui corpi e sui gesti, immortalando emozioni e sentimenti, in linea con la fotografia umanista francese. È un approccio dal quale non si discosterà mai, come lei stessa ci spiega: «Per essere potente, una fotografia deve parlarci di un aspetto della condizione umana, farci sentire l’emozione che il fotografo ha provato di fronte al suo soggetto.»

L’esposizione La poesia dell’istante è il primo e più importante tributo alla carriera di Sabine Weiss, con più di duecento fotografie. Oltre a queste, sono presentati anche alcuni estratti da film documentari a lei dedicati nei quali la fotografa ha raccontato il suo percorso artistico, le sue esperienze di viaggio e la difficoltà di essere una fotografa donna. Il catalogo, pubblicato da Marsilio Arte, propone molte immagini inedite; i testi sono di Virginie Chardin, curatrice della rassegna, e di Denis Curti, direttore artistico della Casa dei Tre Oci.

C.I.

Foto in alto: Sabine Weiss

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Solve : *
19 + 4 =