Top ten di Natale e dintorni a cura di Paola Giannò

natale consigli
Libri, film, musica, di tutto un po’. Dieci suggerimenti per le nostre lettrici e i nostri lettori insieme agli auguri di tutta la Redazione de L’Altro Femminile, donne oltre il consueto.

Il periodo delle feste natalizie c’è chi lo adora e chi invece no. Io rientro decisamente nella prima categoria. Ogni anno alcuni piccoli rituali si ripetono, ogni volta uguali, per ricreare quella magica atmosfera che in realtà ogni anno è diversa. La macchina dell’addobbo casalingo parte i primi giorni di dicembre ma quando arriva l’epifania, che da tradizione tutte le feste si porta via, l’albero e tutto il resto viene riposto nelle scatole e la casa riprende le sue usuali sembianze. D’altra parte, se di magia si tratta non può certo durare a lungo, vi pare? Se siete alla ricerca di qualche ingrediente nuovo per ricreare la vostra magica atmosfera qui ne metto qualcuno, potete scegliere quello che più vi piace.

  1. Ogni sera aprire un cassettino del calendario dell’avvento anche se sai già cosa contiene;
  2. Passare dallo Spazio Natale Emergency in via Gioberti a Firenze (o nella vostra città) per uno o più regali con qualcosa di speciale;
  3. Aspettare l’otto dicembre per fare l’albero e appendere il fuori porta natalizio;
  4. Un pomeriggio ai giardini della Fortezza da Basso di Firenze per un giro sulla nuova grande ruota panoramica e fra gli stand dei mercatini di Natale, a mangiare cioccolata e bere vin brûlé;
  5. Riguardarsi un vecchio film, quest’anno potrebbe essere la volta dell’intramontabile Harry ti presento Sally;
  6. Leggersi un bel libro sulla poltrona accanto al camino, quando fuori è buio e freddo;
  7. Per il punto sei non sarebbe male avere qualcosa di buono da sorseggiare, potrebbe essere una cioccolata calda ma anche un buon vino rosso andrebbe bene;
  8. Comprare una stella di Natale che qualcuno in casa senza non può stare;
  9. Mettere ancora i regali sotto l’albero la sera tardi, mentre tutti dormono, come quando i figli erano piccoli;
  10. Ascoltare il trentatré giri dei canti di Natale la mattina del 25 preparando il pranzo.

In realtà non serve niente di tutto questo per un buon Natale perché l’ingrediente principale credo sia dentro di noi, ma un po’ di coccole e coreografia non guastano e quindi vado ad accendere le lucine dell’albero e le candele e ne approfitto per augurarvi buone feste!

Paola Giannò

In alto: Natale – Photo by Dilyara Garifullina on Unsplash

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Solve : *
11 + 20 =