Abbi cura di te, opere di Alice Voglino a cura di Cristina Cuttica

Abbi cura di te - Alice Voglino
Dal 17 novembre 2022 all’8 gennaio 2023 un invito a ritrovare il tempo per prendersi cura di sé nell’ascoltarsi amorevolmente.

Il 17 novembre 2022 (17:30-20) apre i battenti Abbi cura di te, personale di Alice Voglino, giovane e talentuosa artista veronese, curata da Cristina Cuttica. L’esposizione avrà luogo nell’atelier dell’artista in Corso Milano 23 a Verona, uno spazio che vive di creatività e dove in differenti periodi dell’anno vengono ospitate esposizioni di altri artisti con analoga ricerca artistica e linguaggio differente. Le visite sono previo appuntamento telefonando al numero 340 7998911 o scrivendo a info@alicevoglino.com.

Attraversare le situazioni oltre le iniziali apparenze, senza indugiare su pensieri superficiali o negativi, lasciarsi la libertà di accogliere quanto accade senza fuggirlo, ritrovando il proprio tempo per l’ascolto. Stare nel momento presente è un atto di volontà e di sollecitudine, una libertà che ci prendiamo per non essere in lotta proprio contro noi stessi. Questo è l’invito che Alice Voglino ci rivolge con Abbi cura di te, un incoraggiamento a ritrovare il tempo per prendersi cura di sé nell’ascoltarsi amorevolmente, a coltivare empatia verso se stessi e verso l’altro noi. Perché guardarsi amorevolmente comporta analogo sguardo anche su quanto ci circonda, un unico sguardo che tende a ridurre il dualismo del nostro mondo terreno e senza distinguo tra persone, animali, natura, ambiente, universo. Una cura amorevole universale che ci porta in contatto con l’essenza dell’esistenza.

L’esposizione Abbi cura di te è un’esperienza sensoriale e cinestesica, fatta di luce e colore in cui restiamo coinvolti e da cui siamo pervasi. Siamo accolti da quadri e sculture dai colori vivaci e dalle forme morbide che fanno trasparire la matericità delle pennellate, l’intenzione energizzante delle scelte cromatiche e dei gesti decisi. Nel passare al successivo ambiente attraversiamo un telo, metafora dell’andare oltre la prima impressione con fiducia e curiosità. Qui restiamo coinvolti in una successione di cromie luminose che evidenziano di volta in volta differenti aspetti dei dipinti, invisibili a prima vista. Le forme si succedono creando immagini e suggestioni a tratti contrastanti, luminose e scure, certe e indefinite, vaghe e presenti, vitali e inanimate, portandoci a percepire la complessità del presente, difficile da conoscere nella sua essenza tantomeno se osservato solo in superficie, più comprensibile se gli dedichiamo tempo per contemplarlo in noi.

In alto: Alice Voglino, Old smile 2022 tecnica mista su tela cm 30×24

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
20 ⁄ 4 =