La poesia nel dì di domenica: “senza titolo” di Goliarda Sapienza

Goliarda Sapienza - poesia nel dì di domenica
«A te che hai gli occhi/azzurri/e i gesti lenti/e ti guardi le mani e non mi vedi/non restarmi vicina/[…]»

La scorsa settimana vi abbiamo proposto la lirica Rimani di Goliarda Sapienza, artista icona del ‘900. Una donna oltre il consueto che per tutto il corso della sua esistenza ha continuato a mettersi in gioco e sempre con estrema passionalità. Troppe parole servirebbero per descriverla e allora lasciamo che sia lei stessa a farlo attraverso la sua opera.

Per La poesia nel dì di domenica, ho scelto la poesia che potete ascoltare grazie all’elaborazione video di Debora Menichetti.

Serena Betti

Foto in alto: Goliarda Sapienza

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Senza titolo di Goliarda Sapienza

A te che hai gli occhi
azzurri
e i gesti lenti
e ti guardi le mani e non mi vedi
non restarmi vicina
non cercare
dalla sabbia calore
con quel gesto che i miei gesti rallenta
e il mio sangue
trascina
in tramortite nostalgie.

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo

2 commenti su “La poesia nel dì di domenica: “senza titolo” di Goliarda Sapienza”

  1. Non capisco perché la grande Goliarda Sapienza, nel metterci sull’avviso dalle tramortite nostalgie, debba poi ficcare il trivio nel quatrivio verseggiando vulgarmente: Se questo articolo ti è piaciuto condividilo. Mi pare de-locale, s-focato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
27 + 15 =