FIDAPA – BPW Italy, una rete di donne protagoniste del futuro

Fidapa Pistoia
Trent’anni fa ventuno donne hanno deciso di unirsi e fondare una sezione FIDAPA a Pistoia, seguendo l’esempio di altre grandi pioniere.

Domenica 16 ottobre, nella Sala Maggiore del Comune di Pistoia, si è tenuta la celebrazione dei trent’anni di attività di FIDAPA Pistoia. Per chi non la conoscesse, FIDAPA – BPW Italy è un’associazione di donne nata in Italia a cavallo tra gli anni ’20 e ’30, consolidatasi poi nel 1945, grazie alla visione ispirata di Maria Castellani. L’acronimo stesso, Federazione Italiana Donne Arti Professioni Affari, rende benissimo l’idea della natura e della missione di questa federazione. Un insieme di donne che si vogliono affermare nel mondo oltrepassando quelle barriere di genere che, da sempre, ostacolano la realizzazione professionale femminile.

La celebrazione di ieri, coordinata e presentata da Silvia Parentela, attuale presidente, è stata un’esperienza meravigliosa per chi vi scrive, perché ho percepito una tale energia che, se fosse stata cosa tangibile, sicuramente mi avrebbe avvolta come una coperta calda e rinvigorente. L’empatia che si respira dentro l’associazione è emersa senza fatica dalle parole dalla pioniera Mara Giorgetti Cocchi, prima presidente di FIDAPA Pistoia. Sono poi intervenute le altre socie fondatrici Anna Maria Celesti, Mariarita Schivo, Iole Vannucci, Maria Teresa Scaldini ed Emanuela Martini. Tutte quante hanno raccontato la loro esperienza in FIDAPA, la strada che le ha portate e essere parte integrante e attiva di una comunità di donne che si prefigge lo scopo di fare rete e affermarsi in un mondo pensato più a misura di uomo. Ma la sinergia, l’entusiasmo e un obiettivo comune fanno sì che tutte queste donne abbiano creato e mantengano viva una realtà che, con determinazione e vigore, porta avanti ideali e conquista traguardi.

Nel corso del pomeriggio è stato conferito anche il Premio Persona Fidapa dell’Anno, alla sua prima edizione. Il riconoscimento è andato a Maria Cristina Coppini, coordinatrice di progetti della To Groove Pistoia Onlus. Inspirati dalla citazione di J. Gómez: «La musica è espressione dell’anima… e l’anima non conosce disabilità», i valorosi e le valorose dell’associazione usano il potere della musica per allacciare connessioni e creare bellezza, vi basterà assistere al loro Coro delle mani bianche per rendervi conto di quello che dico.

Donna, Vita, Libertà
Rossella Baldecchi, “Donna, Vita, Libertà”

Toccante è stato l’intervento di Rossella Baldecchi che ha presentato la sua opera Donna, Vita, Libertà. L’evocativo dipinto è stato creato sulla scia di quello che è successo a Mahsa Amini in Iran alcune settimane fa. Al termine della cerimonia tutte le donne presenti (ma anche qualche uomo) si sono tagliate una ciocca di capelli in segno di solidarietà con le donne iraniane. Queste ciocche saranno portate da Anna Maria Celesti, assessora alle Pari opportunità, al Presidente della Provincia in nome e per conto di FIDAPA Pistoia.

FIDAPA – BTW Italy aderisce alla Federazione Internazionale IFBPW e, nel territorio italiano, conta sette distretti, trecento sezioni locali e oltre diecimila iscritte. Com’è facile intuire, dietro c’è tanto lavoro e una forte determinazione. Le socie sono mosse e unite da principi comuni, da un impegno che va oltre il dovere e abbraccia una dimensione femminile ancora troppo da scoprire ma che ha moltissimo da dare. L’augurio che mi faccio, e che faccio anche loro, è che questa dimensione continui a crescere e le donne trovino il coraggio di muoversi nella direzione dell’affermazione personale. Sostenere associazioni come questa in qualsiasi modo si voglia o possa fare è fondamentale per ottenere la parità di genere che tanto è desiderata. Proprio ieri una socia fondatrice ha ricordato, citando Giorgio Gaber: «Libertà è partecipazione», e questa è una grande verità. Io ho partecipato a questa celebrazione e mi sono sentita libera tra le donne e con le donne, ma non solo, anche accolta, spalleggiata, ispirata. Non mi stancherò mai di ripetere che le donne sono capaci di tutto e di più, ma soprattutto sono capaci di una sorellanza tale da sostenere qualsiasi cosa, giacché la forza di Atlante ci appartiene da sempre. Quindi, donne, che sia nel piccolo o nel grande, sosteniamoci a vicenda, creiamo rete. Perché la rete può sia salvare dalle cadute che sorreggere e spingere in alto. E, quando ci sono abbastanza mani da infittire le maglie e creare una base solida, può diventare addirittura un trampolino.

Serena Pisaneschi 

Foto in alto: Un’immagine dalla giornata di celebrazione

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
9 − 6 =