Se tu lo vuoi: le cose bisogna volerle, ma a volte serve cambiare sguardo

Valeria Fioretta
Un amore finito all’improvviso, agosto, caldo, Torino, niente vacanze: e se fosse l’inizio di qualcosa di diverso?

Qualche giorno fa navigavo su Storytel in cerca di qualche nuovo audiolibro da ascoltare. Venivo da un giallo scandinavo e da un grande classico abbandonato dopo le prime pagine (non perché non fosse bello, ma perché la voce narrante non rendeva giustizia al titolo di letteratura americana che stava raccontando). Scrolla scrolla trovo Se tu lo vuoi, di Valeria Fioretta, edito da Piemme nel 2018; l’audiolibro è del 2020. La trama è simpatica, mi sa di fresco e pimpante, così lo scarico e inizio l’audio lettura.

Se tu lo vuoiVengo catapultata subito all’interno del mondo di Margherita, una giovane donna che ha un buon lavoro, una variopinta schiera di amiche con le quali si intrattiene spesso in sessioni di chiacchiere e confidenze che chiamano Radio Serva, e un amore nascente con un uomo che, onestamente, c’incastra ben poco con lei. La sua vita sembra scorrere tranquilla, quando Gabriele, il suo lui appunto, la lascia senza troppe spiegazioni. Anzi, in realtà la spiegazione gliela dà, ma è Margherita che non la vuole sentire. Si potrebbe dire che ha idealizzato un po’ troppo quella relazione, anzi glielo dicono spesso anche le sue amiche. Così tra colpi di malcontento, bicchierini bianchi di tè e un’estate senza prospettive vacanziere, si ritrova a fare da babysitter a una bambina di otto anni, nella calda città di Torino.

Tralasciando altri dettagli della trama, che è bello scoprire via via da solə, mi preme sottolineare la scrittura coinvolgente e accattivante di Valeria Fioretta. I pensieri di Margherita sono così veri che si potrebbe credere siano nostri. Per veri intendo irriverenti, ironici, sbagliati, sciocchi, prevenuti, spaesati, sinceri… Insomma hanno tutte quelle caratteristiche delle persone reali, le stesse che, quando le incontriamo in un libro, ci fanno instaurare una immediata quanto simbiotica simpatia. Io ho amato subito questa donna così tangibile, premere play sul touch screen era come incontrarsi con un’amica. Sono state molte più di una le risate che ho fatto mentre camminavo per strada con la mia cagnolina o mi affaccendavo nei doveri da massaia (per il vicinato: non sono pazza, mi divertivo!). Ma, se il merito di una storia divertente, ben scritta e comunque empatizzante, va tutto all’autrice, non posso esimermi dal sollevare a giusto merito anche la voce narrante dell’audiolibro: Valeria Perdonò. Sarà forse per l’omonimia, ma queste due donne insieme formano una combo micidiale, nel senso più bello e appagante in cui si possa intendere. La voce leggente ha saputo dare alla voce scrivente quel quid in più che ti fa immergere completamente in un personaggio quasi fino a fartelo diventare persona. Il mio ringraziamento va a tutte e due, per avermi fatto passare sette ore e cinquantadue minuti davvero molto piacevoli.

Se tu lo vuoi è il primo romanzo di Valeria Fioretta, conosciuta nel web con il blog Gynepraio. Vi invito a visitare sia il sito che i social, vi farete un’idea del suo guizzo ironico e creativo e il ditino sul segui vi scivolerà senza che ve ne accorgiate.

Serena Pisaneschi

Foto in alto: Valeria Fioretta

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
9 + 26 =