Iolanda Arcidiacono, effimeri versi me mostrò er core

iolanda arcidiacono - effimeri versi
Dal primo numero della rivista riproponiamo i versi di questa autrice che scrive: «Essere se stessi in un mondo bugiardo è la cosa più difficile… Una lotta continua tra la Mente e il Cuore…»

Effimeri versi

Effimeri versi me mostrò er core
Nun eran belli e nun facevan rumore
Nun c’avevano senso
E manco ’a rima
’A metrica poi…
Nun sò manco ‘ndo sta.
Ma me sbattevano forte
Come ’na martellata continua
N’er petto e più ancora dentr’a capoccia
Come se volessero usci’ fori
Pe’ forza, c’a prepotenza.
E me so chiesta: ma chi me l’ha fatto fa’
De scrive ’ste baggianate
In mezzo a ’sta mattinata
Anvece de stira’
O famme ’na passeggiata.
A esse’ sincera… nun c’o so mica.
Ma me piaceva de condivide ’mpensiero.
Ché c’avevo in mente
Chiaro chiaro
Cosa volevo di’ e cosa scrive

Quasi ’na lezione de vita
O ’na massima ’ntelligente
De come m’imbrogliò il destino
Quanno me fece crede’ all’amore
E che c’è de più effimero de quell’infame?
Credi a me…
Proprio gnente!
E allora eccallà… ’o dico come me viene
Ché tanto ce lo sQuarcuno me crede
Quarcun’antro… no.

Quannu ’a sira

E quannu ’a sira
S’appoggia stanca
’u cori suspira
’u sciatu s’allenta.
Ti pari, e n’o sai spiegari,
ca quacche cosa ti manca.
E ci pensi
E c’a ripensi…
Ma… nenti.
Non ti veni ’n’menti.
Ma r’intra ’e tia c’u sai
E nun l’ammetti.
Cririri ’o cori? Mai!
T’addumi ’na sigaretta
Talii ’u silenziu
E t’accunotti.
– Sbagghiai tuttu.
Troppi minchiati.
Ti rici ’nd’a testa.
– Ma nun fa nenti.
’a vita è chista:
Troppu amaru ’mmezza ’e renti.
Non c’è nenti di giustu o sbagghiatu.
Camminasti cu l’anima ’nd’e manu.
Ma chi t’affannasti a fari?
E cu ti capisci?
Nuddu. Mai.
E allura lassa peddiri.
’U tempu passa e nun c’è rimediu.
Perciò ’o cucchiti.
Nun ci pinsari.
È tempu pessu e n’o poi canciari.
’N’autra sigaretta e poi basta.
Astuta ’a luci e chiuri l’occhi
Ca troppu pinsari ti fa cchiù mali.

 

Quando la sera

E quando la sera
S’appoggia stanca
Il cuore sospira
Il respiro rallenta.
Ti sembra, e non lo sai spiegare,
che qualcosa ti manca.
E ci pensi
E ci ripensi…
Ma… niente.
Non ti viene in mente.
Ma dentro di te lo sai
E non lo ammetti.
Credere al cuore? Mai!
T’accendi una sigaretta
Guardi il silenzio
E ti calmi.
– Ho sbagliato tutto
Troppe cazzate.
Ti dici in testa.
– Ma non fa niente.
La vita è questa:
Troppo amaro in mezzo ai denti.
Non c’è niente di giusto o sbagliato.
Hai camminato con l’anima in mano.
Ma che ti sei affannata a fare?
E chi ti capisce?
Nessuno. Mai.
E allora lascia perdere.
Il tempo passa e non c’è rimedio.
Perciò vattene a letto.
Non ci pensare.
È tempo perso e non lo puoi cambiare.
Un’altra sigaretta e poi basta.
Spegni la luce e chiudi gli occhi
Ché troppo pensare ti fa più male.

L’amore che fa male

Ombre scure su labbra dure
Stillicidio di parole gementi
Vestono di sangue le mie sere
I tuoi colpi indifferenti

Ferite squarciate nell’anima
A denti stretti ne sento l’odore
Silente un battito ansima
Ogni impronta ha un solo colore

È dolore che copre ogni luce
Quando indosso la tua rabbia
E il mio cuore non ha più voce
Chiuso nel buio di questa gabbia

Inutile, poi, scusarsi con un fiore
L’amore che fa male… non è Amore.

iolanda arcidiacono
Iolanda Arcidiacono

Iolanda Arcidiacono siciliana di nascita, romana di adozione. Nel 2012 escono il libro di poesie Fantasie del Pensiero e le sillogi Le strade della vita attendono… cogli ogni attimo e Diafano sentire, edite con Lulu.com. Nel 2014 pubblica il suo primo e-book sotto pseudonimo, Il Taccuino Rosso, edito da Eroscultura, e, l’anno successivo, il secondo, La stanza degli specchi, per il progetto Attimi infiniti. Nel 2018 un suo racconto viene pubblicato nell’antologia Confessioni al telefono edito da I Parolanti, e nel 2020 partecipa alla collana Artistica di Edizioni della Sera, con un racconto nell’antologia Il grande racconto di Renoir.

Foto in alto tratta dal profilo Facebook di Iolanda Arcidiacono

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Solve : *
14 + 2 =