Masako Katsura: dal biliardo di famiglia ai campionati mondali

Masako Katsura
Non esistono sport maschili o femminili, esistono capacità e attitudine, come ha dimostrato la talentuosa giocatrice giapponese.

Nel 1913, a Tokyo, nasce Masako Katsura, soprannominata Katsy e conosciuta come la prima signora dei biliardi. All’età di dodici anni si trasferisce a casa della sorella maggiore e del cognato, che possiede una sala da biliardo. Lì impara a giocare e, a soli quindici anni, vince il torneo di Straight Rail del campionato femminile giapponese. Una grande svolta nella vita di Katsura è stato l’incontro, nel 1937, con Kinrey Matsumaya, un grande campione della carambola a tre sponde. Matsuyama sarà il mentore di Katsura, la quale, in appena dieci anni, diventerà una star del biliardo, l’unica giocatrice professionista del Giappone.

Nel 1947 incontra il militare americano Vernon Greenleaf, che diventerà suo marito, e tre anni dopo, nel 1951, si trasferiranno negli Stati Uniti. La fama di Katsura l’aveva preceduta, tanto che Cochran, noto pluricampione mondiale, la invita al torneo che si sarebbe tenuto l’anno successivo: sarà la prima donna nella storia a partecipare a un campionato mondiale di biliardo (prima di lei solo Ruth McGinnis aveva fatto parlare di sé quando, nel 1942, era stata invitata al Campionato  di  biliardo professionistico maschile dello Stato di New York).

Nella classifica finale Masako Katsura si piazza settima dimostrando di saper tener testa ai migliori professionisti, battendo anche gli unici due giocatori che erano riusciti a sconfiggere il favorito poi riconfermato campione. Successivamente al torneo, Katsura parte per un tour americano con Cochran, esibendosi nella specialità straight-rail e tre sponde. Il fascino esotico di Katsura era una forte attrattiva per il pubblico, ma è stata la sua abilità nel gioco a renderla celebre e ammirata anche dai suoi stessi rivali. Nel 1953 partecipa a nuovo al torneo mondiale, piazzandosi al quinto posto pari merito con il suo maestro Matsuyama; nel 1954 invece conquisterà il quarto posto assoluto.

Negli anni successivi prende parte ad alcune esibizioni, pubblica il suo secondo manuale sul biliardo nel 1956 (il primo è del 1952) e partecipa anche a qualche trasmissione televisiva. Poiché da anni non veniva organizzato un campionato mondiale di carambola a tre sponde, nel 1961 Harold Worst (campione in carica dal 1954) sfida Katsura per difendere il suo titolo; Katsura perderà la sfida. Dopo quella data sparisce dalle scene del biliardo e, nel 1990, torna in Giappone dove muore nel 1995. Masako Katsura è stata la prima donna ad affermarsi sulla scena del biliardo mondiale, facendo valere molto di più la sua bravura come giocatrice che la sua avvenenza fisica. Forse il fatto che fosse una donna ha “attirato” su di lei sia interesse che attenzioni, ma è stata l’abilità di gioco dimostrata in diverse occasioni a consacrarla in un ambito considerato fino ad allora solo maschile.

Serena Pisaneschi

Foto in alto: Masako Katsura

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Solve : *
25 − 10 =