Chi siamo

L’Altro Femminile, donne oltre il consueto è una testata giornalistica telematica di letteratura, pensiero, arte, storia, scienze, sport e imprenditoria femminile. La rivista, immaginata dalla mente di Serena Pisaneschi, si realizza grazie a una ben motivata schiera di valorose che hanno condiviso e arricchito il progetto iniziale. Direttrice responsabile Cinzia Inguanta.

Serena PisaneschiSerena Pisaneschi vive a Pistoia, dove lavora come impiegata amministrativa. È tra gli autori dell’antologia Il grande racconto di Renoir, volume della collana Artistica di Edizioni della Sera, e dell’antologia Bambini in pausa Meligrana editore. Scrive recensioni per i blog LeggIndipendente e libriamoci913. Fa parte dello staff del laboratorio di scrittura I Parolanti, è presente come autrice nella pubblicazione a marchio I Parolanti #drabble – 60 storie in 100 parole. Nel suo blog fatelargoaisognatori pubblica racconti, poesie e recensioni. 

Cinzia-InguantaCinzia Inguanta fiorentina di nascita, veronese di adozione, giornalista pubblicista dirige Radio Popolare Verona dal 2015, già direttrice del magazine Verona-IN con il quale continua a collaborare coordinando la redazione cultura e spettacoli. Nel 2006 cura la pubblicazione di La Chiesa di Verona in Sinodo e di Il IV Convegno Ecclesiale Nazionale, nel 2007 di Nel segno della continuità. Nel 2011 l’esordio letterario con il romanzo Bianca (Bonaccorso Editore). Alcune sue poesie sono pubblicate nel 2° volume della Raccolta di Poesie del Simposio permanente dei poeti veronesi, altre nella sezione Opere Inedite sul blog dedicato alla poesia di Rainews. 

Valentina BazzaniValentina Bazzani nasce a Vicenza, nel novembre del 1990 ma, ad appena due anni lascia il Veneto per trasferirsi con la famiglia in Emilia Romagna. Pubblica nel 2011 il suo primo romanzo Guardati con i miei occhi (Arduino Sacco Editore). Nel 2013 pubblica il romanzo Per tutto il tempo che ci resta (Rupe Mutevole edizioni).  Nel 2014 pubblica per Butterfly Edizioni il racconto L’amore non si nega a nessuno, prima opera sul disturbo bipolare. Seguono Sei il mio respiro, L’Illusione di noi, Don’t let me in, Il lato oscuro dell’amore e nel 2020 Il faro dei desideri inespressi (Libromania). Ha scritto per il magazine letterario Babette legge per voi, per il quale ha curato il progetto dedicato al mondo di Wattpad “The Babbers”. La scrittura è per lei passione e medicina. 

Erna CorsiErna Corsi, veronese, lavora come graphic designer. Lettrice assidua, appassionata di teatro, curatrice di antologie. Ha pubblicato il romanzo Alla fine dell’asfalto e gli illustrati per bambini Ci vorrebbe un amico e Buonanotte, buonanotte Carotina. I suoi racconti sono presenti in varie raccolte. Collabora con il giornale on-line Verona In, con il caffè letterario I Parolanti su Facebook e con il nuovo portale online per l’editoria Other Souls.  

Paola GiannòPaola Giannò vive a Firenze, dove lavora come impiegata. Nel tempo libero ama leggere e scrivere di ciò che legge. Ha esordito con la pubblicazione del racconto Estate all’interno della raccolta Il grande racconto di Renoir della collana Artistica e nel 2020 con la pubblicazione del racconto Piccole donne nella raccolta Bambini in Pausa edito da Meligrana. Su FB ha ideato e cura il progetto “Progetto Alice – Affido familiare”, con l’intento, attraverso libri e film, di diffondere la cultura dell’affido familiare.  

Paola GradiPaola Gradi, fiorentina, è laureata in lingue e letterature straniere e si occupa di editing e traduzioni. Scrittrice per diletto, ama i gatti, le piante grasse e strimpellare il suo pianoforte. 
(Nutre profondo rispetto per le parole che usa con sapienza e parsimonia, come si può intuire biografia minimalista che ci ha inviato).

Elena MarrassiniElena Marrassini è nata a Firenze nel 1970 e vive a Pistoia. Ha una laurea in Scienze dell’Informazione e lavora a Firenze come informatico. Ogni giorno, nel tratto di strada ferrata che separa le sue due città pensa a delle storie. Ha vinto il Premio Letterario Nazionale Bukowski sezione racconto e a marzo 2019 è stata pubblicata la sua prima raccolta di racconti: Briciole (Giovane Holden edizioni). Nel 2019 un suo racconto è stato inserito nell’antologia Decanterone, a cura di Erasmo Edizioni, con cui ha pubblicato anche un altro racconto per l’antologia Il buio (2020). Altri suoi racconti sono stati pubblicati sulla rivista online toscana Arteventi News e a settembre 2020 un suo racconto è apparso sul numero 21 di Opera Nuova – Rivista Internazionale di Scritture e Scrittori.  

Laura MasseraLaura Massera, diploma di maestra d’arte applicata e diploma di laurea in lingue e civiltà della Cina a Ca’ Foscari, Venezia. Fondatrice dell’associazione culturale Echidna Editing e del relativo gruppo Facebook I Parolanti ha all’attivo cinque romanzi di cui tre in riscrittura, uno come ghost writer e uno ancora in vendita online per Damster Edizioni, cinque antologie e un racconto lungo in divenire sulla piattaforma Wattpad. Editor dal 2014, ha sempre frequentato il mondo dell’editoria, in parallelo sia come febbrile lettrice che come scrittrice con ancora tanto da imparare in entrambe le attività. 

Debora MenichettiDebora Menichetti, nasce a Pistoia il 24 maggio del 1971, è laureata in Ingegneria elettronica. Le sue passioni sono l’arte, il cinema e i libri. Ama lo sport e lo pratica con costanza: «Allenarmi mi aiuta a ritrovare la fiducia in me stessa, perché per me lo sport va ben oltre la salute ed il benessere. Qualsiasi attività fisica richiede resilienza, determinazione e motivazione, proprio come nella vita.» 

Sara SimoniSara Simoni è nata a Pistoia nel 1982 e vive ad Agliana. È laureata in biotecnologie mediche e lavora in un laboratorio dove svolge analisi del DNA. Maniaca delle liste e dell’organizzazione, gattara e aspirante panificatrice. Accanita lettrice e appassionata di editoria, predilige storie familiari e romanzi di formazione per ragazzi. Divora gaphic novel e manga giapponesi. È una delle fondatrici del circolo di lettura della biblioteca comunale di Rufina, con il quale ha letto più di ottanta romanzi.  Collabora con il gruppo Testarde, un collettivo di artisti indipendenti che utilizza molteplici livelli di espressione (tessuti aerei, teatro, musica) per sviluppare progetti di cooperazione artistica.