Top ten estate 2023 a cura di Serena Betti: nove consigli concatenati + uno

consigli per l'estatate - top ten - salina
A grande richiesta tornano i consigli per l’estate della redazione de l’Altro Femminile, donne oltre il consueto per un’estate in cui recuperare tempo. Enjoy!

L’estate è iniziata in un modo piuttosto bizzarro, direi quasi timidamente. E la mia top ten si è fatta influenzare da questo andamento. Così, timidamente, e in modo un po’ bizzarro, propongo nove consigli che seguono delle associazioni arrivate mentre scrivevo. Il decimo, invece, è un guizzo spontaneo.

1 – Inizio invitando ad ascoltare la voce armoniosa, piena di colori, calda e avvolgente di Tosca. Il suo ultimo album, Morabeza, è una continua sorpresa e non solo per la sua capacità interpretativa, ma anche per i testi e gli arrangiamenti: un concentrato di grazia ed eleganza. Ma dal momento che questa è una top ten estiva, per iniziare consiglio l’ascolto di un pezzo che non è presente dell’album: la versione rivisitata di Piazza Grande, del grande Lucio Dalla, che l‘artista ha presentato nell’edizione del 2020 di Sanremo insieme alla cantante spagnola Silvia Perez Cruz.  Buona danza!

2 – In Morabeza Tosca canta Voodoo rendez-vous e per concatenazione di idee il mio pensiero va a Voodoo Cat, un giovane artista di cui non svelerò il nome e a cui sono legata da un grandissimo affetto sin dalla nascita, che ha composto una canzone molto semplice con un testo intenso e profondo. A simple song, un inno alla pace e alla solidarietà che apre il cuore alla gioia sin dalle prime note, può essere ascoltato su YouTube o Spotify.

3 – La concatenazione mi conduce a Tracy Chapman, la cantautrice folk americana con una voce inconfondibile che, accompagnata dalla sua chitarra, ha sempre affrontato temi sociali, anche molto duri. Non è facile scegliere uno dei suoi pezzi, ma qui suggerisco If Not Now, che tradotto diventa “se non ora [quando]”. Questa frase, oltre a darmi l’occasione di riflettere sull’importanza del momento presente che è l’unica certezza che abbiamo, mi riporta alla mente il 13 febbraio 2011, quando il movimento femminista “Se non ora quando” portò migliaia di donne in tutte le piazze italiane. Con noi a Verona quel giorno ci fu Michela Murgia.

4 – Le donne che manifestarono quel giorno furono una bellissima onda rosa e festante, come quelle arcobaleno dei Pride che si sono svolti in molte città il 24 giugno. L’onda è anche un silent book: lasciatevi trasportare in questa avventura-sfida di una bimba con il mare. Le splendide, poetiche e al contempo potenti immagini sono di Suzi Lee, illustratrice coreana. È un libro per bambinə… ma non solo.

5 – Il giardino segreto è il romanzo di Frances Hodgson Burnett la cui protagonista, Mary Lennox, è una bambina che in seguito alla morte dei genitori viene affidata a uno zio nello Yorkshire. La villa nasconde un segreto, ma soprattutto un meraviglioso giardino chiuso che Mary scoprirà grazie all’amicizia con un pettirosso. Del bellissimo e avvincente romanzo, che ho conosciuto cercando libri da leggere a mia figlia la sera prima di dormire, sono stati fatti molti adattamenti cinematografici. Il migliore, almeno per me, è sicuramente quello del 1993, con la regia di Agnieszka Holland, in cui una strepitosa Maggie Smith interpreta la signora Medlock, governante della casa.

6 – Maggie Smith la ritroviamo in un film perfetto per l’estate, Marigold Hotel, che parla di invecchiamento, amore e morte con delicatezza e lievità regalando parecchie risate. È un film inglese del 2011 con un cast fantastico.

7 – Judy Dench, tra ə protagonistə del film appena citato, ha al suo attivo molte interpretazioni straordinarie, ma una a cui sono particolarmente legata è quella di Amande Voizin, l’anziana e rigida proprietaria di casa di Vianne, la cioccolataia di Chocolat, che ha il volto di Juliette Binoche. Anche questa è una favola bella da rivedere.

8 e 9 – C’è una donna decisamente oltre il consueto, di cui ho sentito parlare una decina di anni fa, quando era già ben oltre gli ottant’anni. Lisetta Carmi, negli anni ’60, raccontò con la macchina fotografica la vita delle persone più deboli della società. Famosi sono i suoi reportage sui portuali dei cantieri di Genova e sui “travestiti”, come venivano chiamate in quegli anni le persone LGBTQ. La sua è una storia interessantissima magistralmente raccontata da Concita De Gregorio nel suo ultimo libro Un’ultima cosa, e in una puntata del podcast, dallo stesso nome, proposto da Spotify. Le immagini e i ritratti di Lisetta sono protagonisti della mostra attualmente in corso a Firenze a Villa Bardini. Lisetta Carmi. Suonare forte, questo il titolo, può essere visitata fino all’8 di ottobre.

10 – Sono arrivata all’ultimo consiglio e mi rendo conto che non ho parlato di libri. Colmo subito questa lacuna consigliandone uno fresco di stampa, perfetto per una lettura estiva: Meno male che ci siete voi, il primo romanzo di Amanda Colombo, libraia di Legnano, edito da Garzanti. È la storia godibilissima di tre amiche e un libraio; un inno all’amicizia e alla complicità femminile e soprattutto un inno ai libri e alle librerie, che come scrive l’autrice sono « la farmacia dell’anima».

Chissà come proseguiranno queste giornate estive, quanto saranno afose o piovose… renderle piacevoli spetta comunque a noi e quindi diamoci da fare. Buona estate!

Serena Betti

In alto: Salina foto di Serena Betti

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
16 ⁄ 8 =