La regina Camilla è la dimostrazione che la monarchia inglese non è ferma

camilla-regina
Fino a pochi anni fa, nel Regno Unito, nessuno avrebbe creduto possibile una doppia incoronazione per la famiglia reale.

Lo scorso sabato 6 maggio 2023, nell’Abbazia di Westminster a Londra, ha avuto luogo l’incoronazione di Re Carlo III e di sua moglie Camilla. L’evento è stato trasmesso dalle televisioni di tutto il mondo; nel 1956 sua madre, la regina Elisabetta II, fu la prima monarca ad apparire in mondovisione in quello che fino ad allora era un rito riservato a pochi. La sua decisione, molto osteggiata, si rivelò vincente perché iniziò ad avvicinare la monarchia al popolo. Nei suoi settant’anni di regno Lilibet ebbe modo di introdurre più di un cambiamento alle regole di corte, rendendole più consone ai tempi.

Lo scorso sabato, dopo aver incoronato il re, il vescovo di Canterbury ha proseguito posando la corona di regina sul capo di Camilla, attuale consorte di Carlo e questo sembrava assolutamente impensabile fino a pochi anni fa. Da giovani innamorati Carlo e Camilla vedono sfumare la possibilità di una vita insieme, in quanto lei viene giudicata inadatta a sposare l’erede al trono d’Inghilterra. La principessa doveva essere esteticamente gradevole, giovane e sicuramente vergine. Requisiti non richiesti a Filippo quando sposò Elisabetta, allora erede al trono.

Delusa e probabilmente offesa, Camilla sposò un altro uomo. Le successive vicende che videro protagonisti Carlo con Diana Spencer sono arcinote a chiunque. In età matura Carlo e Camilla si sono ritrovati, lui vedovo e lei divorziata e quindi ancor più inadatta di quanto fosse mai stata da giovane: le regole di corte vietano agli eredi al trono di convolare a nozze con persone che abbiano un matrimonio fallito alle spalle e quindi un consorte ancora in vita. Anzi, vietavano. Elisabetta II con la sua lungimiranza consentì le nozze, in parte riconoscendo il suo precedente errore. Poco prima di morire modificò ancora il codice, facendo in modo che Camilla potesse anche diventare regina a fianco del marito.

Ho sentito molti commenti spregevoli sulla coppia, qualcuno ha perfino definito questa vicenda «la favola brutta». Io credo invece che giustizia sia stata fatta e penso che la nuova coppia reale sia bellissima, grazie al sentimento che li unisce. Camilla forse non risponde ai canoni estetici più diffusi come invece faceva Diana, ma vogliamo davvero giudicarla per questo? Ha l’amore del re e questo è l’importante. Lunga vita al re e alla regina!

Erna Corsi

Foto in alto: la regina Camilla

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
10 ⁄ 1 =