Illustrazioni: Nefastia, l’arte per uscire dal proprio inferno

Arte come terapia - Nefastia - Gloria Wrdlow
Superare il disagio esistenziale a colpi di pennello usando l’arte come terapia per raggiungere il benessere psicofisico.

«Oh, ma questa mi è nuova! Da quando appendi i tuoi quadri in casa? Non mi aspetto che sia mero autocompiacimento. Non da te, perlomeno.»

«Pensi bene. Semplicemente vedere questa versione di me aumenta la mia produzione di serotonina. Il che è ottimo per il mio inguaribile cinismo cronico.»

«Mia nuvoletta di pioggia acida. Come se non lo sapessi. Hai smesso con la cura che avevi?»

«Preferisco uscire dal mio inferno a suon di pennellate colorate sulla tela anziché imbottirmi di medicine chimiche che mi rendono solo narcolettica.»

«Come darti torto. Nessun tuo “amico” accademico da citarmi oggi? Sei impreparata?»

«Bisogna essere preparati per poter fare dell’arte o trovare conforto in essa? Se fosse qualcosa di programmato e artefatto sarebbe semplicemente un qualcosa di fine a se stesso. Qualcosa di bello o di brutto. Non è molto più appagante trovare conforto in un gesto spontaneo? Qualche amico ai piani alti, che per ovvie ragioni non mi conosce, ma di cui io so vita, morte e miracoli, c’è. Qualcuno che ha dato il nome a ciò che faccio c’è, ma oggi mi sento di citare solo me stessa per essermi data l’occasione di capire che, un modo per evadere l’inferno che mi brucia dentro, esiste.»

Arte come terapia - Nefastia - Gloria Wardlow
Gloria Wardlow – Nefastia, arte come terapia

Gloria Wardlow

In alto: Nefastia di Gloria Wardolw, ritaglio illustrazione

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
30 ⁄ 3 =