Violenza sulle donne: Rua67 e Artemisia uniti per combatterla

Quando lo sport da combattimento diventa strumento per una crescita etica e morale, in un clima di rispetto reciproco e umiltà.

La violenza sulle donne la si può combattere con tanti strumenti. La pratica di una disciplina sportiva unita al rispetto e all’inclusione è lo spirito che ha animato il progetto Ma.Ma. Sabato 21 maggio, dalle 16:30 alle 18:30 nei locali di Rua 67 Academy in Via del Madonnone 47 a Firenze, si terrà a cura di Artemisia Centro Antiviolenza l’evento finale di questo progetto grazie al contributo della Fondazione CR Firenze.

Il progetto Ma.Ma. ha messo a disposizione dei corsi gratuiti per donne e minori volti a rafforzare la consapevolezza psico-fisica e a contribuire, in modo indiretto, a una crescita personale su aspetti legati all’emotività e alla socializzazione. In occasione della presentazione del progetto sarà possibile assistere a una dimostrazione di pratica di difesa personale a cura del maestro Francesco Braccini con gli allievi e le allieve dell’accademia.

Rua67 è una associazione sportiva nata nel 2012 con la concezione che l’insegnamento degli sport da combattimento sia funzionale alla crescita dell’individuo oltre che dell’atleta. L’Associazione non si limita esclusivamente allo sviluppo tecnico e fisico dello sportivo, ma mette al servizio della persona le discipline praticate, come strumento per una crescita etica e morale, in un clima di rispetto reciproco e umiltà.

Sul proprio sito, Rua67 ha attivato anche altri quattro progetti che testimoniano l’attenzione dell’associazione a valori sociali come il rispetto e l’inclusione. Kimoni Rosa è un corso di difesa personale del progetto donne con cui Rua67 offre il proprio contributo personale al mondo femminile. Io non bullo, con il patrocinio del Comune di Firenze, è rivolto agli studenti della scuola secondaria e ha come obiettivo la diffusione di una cultura del rispetto, dell’umiltà e della gratitudine. Lottiamo insieme è invece destinato a bambini e bambine dai 6 ai 13 anni nella convinzione che lo sport sia un’ottimo mezzo per l’inclusione e l’accettazione delle diversità.

L’Associazione Artemisia è nata nel 1991 grazie alla collaborazione di un gruppo di coraggiose sostenitrici della lotta alla violenza sulle donne guidato da Nicoletta Livi Bacci e Catia Franci, che furono le prime socie fondatrici. Il centro antiviolenza Artemisia è un’associazione di Promozione Sociale – Onlus che ha sede a Firenze e garantisce assistenza a donne, bambine e bambini che subiscono violenza e adulti/e che hanno subito violenza nell’infanzia. La violenza sulle donne non è solo il 25 novembre.

Paola Giannò

© RIPRODUZIONE RISERVATA

violenza sulle donne

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Solve : *
2 + 27 =