L’angolo delle occasioni di Silvia Allegri e Susanne Eugenie Louise Probst

L'angolo delle occasioni
Una giornalista e una storica dell’arte raccontano con ironia i mille (ris)volti dell’uomo italiano (secondo Anne Fröhlich).

L’angolo delle occasioni. I mille (ris)volti dell’uomo italiano secondo Anne Fröhlich è quello che si definisce un lavoro a quattro mani, quelle di Silvia Allegri e Susanne Eugenie Louise Probst, pubblicato da Edizioni Osiride (2020).

Uno tra i tanti motivi per leggere questo libro è che, tra gli altri, racconta anche la storia di una bella collaborazione tra donne: una giornalista, una storica dell’arte e un’editrice.  A onor del vero, al risultato finale hanno contribuito anche due uomini oltre il consueto, il poeta Guido Oldani e Gianni Falcone, “vignettista per hobby”.

L’angolo delle occasioni che si presenta con un’aria scanzonata, anche grazie alle vignette di Falcone, in realtà è il risultato di oltre tre anni di esperienze, interviste, ricerche, confronti e riflessioni che ci vengono restituiti dalla voce di Anne Fröhlich. Il personaggio deve la sua identità alla fusione dei nomi delle autrici; Anne, abbreviazione di Susanne e Fröhlich la traduzione in tedesco di Allegri.

Fräulein Anne, una tedesca che ama l’Italia e adora il fascino degli italiani, torna di nuovo nel suo paese prediletto e si prepara a rivedere finalmente il suo grande amore. Intanto, per ingannare l’attesa, comodamente seduta al tavolino di un bar, osserva i passanti e confrontandosi con i cliché più classici, ripercorre storie, avventure e disavventure vissute o sentite raccontare.

Il libro racconta il modo in cui gli uomini si pongono rispetto alle relazioni col femminile e al loro quotidiano. Analizza come  si sono trasformate le relazioni tra uomini e donne in questi anni. Lungi dall’essere un manuale d’istruzioni all’uso è piuttosto un piccolo viaggio attraverso situazioni e avventure in cui è possibile riconoscersi, condividendo qualche malinconia ma anche spensierate risate.

Silvia Allegri e Zorro - L'angolo delle occasioni
Silvia Allegri e Zorro

«In un’epoca in cui ci sentiamo quasi in dovere di essere perfette, belle, realizzate sul lavoro, e con un partner al nostro fianco, sbagliare sembra diventare proibito. E lo scivolone, l’occasione persa, le delusioni sono motivo di vergogna» spiegano le autrici. «La storia di Anne e le altre, invece, ci ricorda ciò che si fa fatica ad ammettere: per raggiungere la felicità spesso bisogna procedere per tentativi, e accettare qualche fallimento. Magari, all’improvviso, quell’incontro tanto desiderato arriva; e in punta di piedi l’uomo capace di renderci felici si avvicina e resta lì, ad aspettarci. In attesa di riconoscerlo capita così di frugare nel cesto delle occasioni, quell’insieme di luoghi reali o virtuali dove si immagina di poter trovare la persona giusta».

Alla domanda se gli episodi narrati ne L’angolo delle occasioni siano realtà oppure frutto di fantasie, Allegri, sorridendo sorniona, risponde: «Anche se il nostro legale ci consiglia vivamente di sostenere che ogni riferimento è puramente casuale, dobbiamo ammettere invece che tutti gli uomini presenti tra le pagine di questo libro sono verissimi. Conosciuti di persona o attraverso i racconti di altre donne, poco importa. Tutti sono stati importanti fonti di ispirazione e hanno trovato spazio, loro malgrado, nel flusso di pensieri di Anne».

L’angolo delle occasioni, dopo il successo in libreria, è diventato un audiolibro e ha ispirato un laboratorio teatrale tenuto da Nicolò Sordo e Enrico Ferrari che si è svolto a Verona al cinema teatro Santa Teresa. Il libro sta diventando un’occasione di incontro e scambio di esperienze per rileggere e reinterpretare, oltre gli stereotipi, il rapporto tra i generi.

l'angolo delle occasioniL’angolo delle occasioni
di Silvia Allegri e Susanne Eugenie Probst
F.to 14×20 cm – 160 pagine
ISBN 978-88-7498-308-7
Euro 14,50

Cinzia Inguanta

Foto in alto: Rimini, Silvia Allegri, il bagnino d’Italia e Susanne Eugenie Louise Probst

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
40 ⁄ 20 =