Storie straordinarie di ingegneria al femminile

Pink Foto di Gerd Altmann da Pixabay -Foto di Gerd Altmann da Pixabay
Pink Ing 2021: oltre! Venerdì 30 aprile 2021 incontro on-line gratuito e aperto al pubblico organizzato dall’Ordine Ingegneri della provincia di Vicenza. 

L’Ordine Ingegneri della provincia di Vicenza presenta la seconda edizione del format Pink Ing, incontro in modalità on-line per raccontare storie di ingegneria declinata al femminile: idee e realizzazioni che hanno portato alla conquista dei confini estremi della Terra e oltre, spiccando il volo verso lo spazio. Il seminario si svolgerà venerdì 30 aprile 2021, dalle 18 alle 20. 

Non ci sono limiti alla partecipazione: basta essere curiosi e voler dare uno sguardo… oltre! L’invito a partecipare è aperto al pubblico, previa iscrizione gratuita su EVENTBRITE. Agli iscritti all’Ordine Ingegneri saranno assegnati due CFP, tramite adesione sulla piattaforma ISIFORMAZIONE. L’accesso all’incontro sarà possibile fino a pochi minuti prima dell’inizio e, comunque, fino al raggiungimento del numero massimo previsto per i collegamenti.  

Sono storie spaziali, in tutti i sensi, quelle che verranno raccontate nel corso di Pink Ing. Industria automobilistica avveniristica, missioni spaziali, spedizioni in terre estreme, colture idroponiche futuristiche: visioni che sono diventate realtà e che, durante Pink Ing, saranno descritte in diretta nazionale dalle loro protagoniste.  Apertura dell’evento con i saluti di Pietro Paolo Lucente, presidente Ordine degli Ingegneri della provincia di Vicenza, Tania Balasso, consigliere Ordine degli Ingegneri della provincia di Vicenza, Luca Scappini, consigliere Consiglio Nazionale Ingegneri.  

A seguire il prologo dell’attore e regista Davide DoloresEsploratrici, scritto e interpretato per l’occasione, dedicato a tutte le figure che hanno aperto strade, abbattuto limiti, ampliato orizzonti. Si entra nel vivo della serata con la presentazione, a cura di Ania Lopez - consigliere Consiglio Nazionale Ingegneri, componente gruppo Women in Engineering World Federation, ideatrice del progetto Ingenio al Femminile – del premio tesi di laurea “Ingenio al Femminile” per l’anno accademico 2019-2020, sviluppato dal Comitato Donne Ingegneri del CNI all’interno del quadro comune dell’Agenda 2030. 

pink ing

Intervengono: Massimiliana Carello, ingegnere meccanico,  Co-Founder di Beond e ricercatrice al Politecnico di Torino, dipartimento di Ingegneria Meccanica e Aerospaziale e Beond s.r.l. (spin off del Politecnico di Torino, che si incentra su ricerca e sviluppo di nuove tecnologie nel campo automotive, soluzioni innovative per la e-mobility e servizi di ingegneria avanzata). Tema del suo intervento: Beond: lo spin off del Politecnico di Torino in ambito auto motive. 

Amalia Ercoli-Finzi, ingegnere aeronautico, professoressa onoraria Politecnico di Milano. La “signora delle comete” è consulente scientifico della NASA, dell’ASI e dell’ESA, già Principal Investigator responsabile dello strumento SD2 sulla sonda spaziale Rosetta. Col Politecnico di Milano ha collaborato anche per studi su come fare atterrare un equipaggio umano su Marte e su come realizzare un orto botanico sulla Luna; è delegata italiana a Horizon 2020, il programma dell’Unione Europea per la ricerca e l’innovazione. Argomenterà su: Lo spazio: il cantiere dei sogni. 

Chiara Montanari,ingegnere civile, “Life explorer”, a capo di numerose missioni nelle basi di ricerca internazionali più estreme del pianeta, tra cui cinque spedizioni in Antartide, e consulente in Antarctic Mindset ovvero la capacità di prosperare creando anche nell’incertezza. Il suo discorso avrà come focus: Antartide, metafora del mondo contemporaneo. 

Maria Antonietta Perino, ingegnere nucleare, Director Space Economy Exploration and International Network. Dal 1986 lavora in Thales Alenia Space occupandosi di programmi spaziali legati all’esplorazione di Luna e Marte ed è  membro del corpo docente dell’International Space University e dell’International Academy of Astronautics. Parlerà di  Donne spaziali. 

Giorgia Pontetti, ingegnere elettronico e aerospaziale, CEO di una PMI e centro di ricerca provato per la microelettronica per applicazioni spaziali (G & A Engineering), fondatore e CEO di Ferrari Farm, progetti di serre ​idroponiche, ermetiche e asettiche, computerizzate e in grado di creare condizioni ideali sulla Terra e nello spazio. Intreverrà su Hydroponic Alternative. 

Al termine, talk show fra ospiti e pubblico on-line. Conduzione a cura di Alessandro Zuin, giornalista e coordinatore editoriale di Corriere Imprese. 

Cinzia Inguanta

In alto foto di Gerd Altmann da Pixabay

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
9 + 22 =