L’incontro. Amori che non muoiono mai, post numero 403 di Paola Gradi

Da Tunes mini racconto di Paolo Gradi
Da Tunes, un mini racconto che ci fa rivivere tutta l’emozione dell’incontrarsi di nuovo e potersi finalmente riabbracciare.

Ti sento ancor prima di vederti, la tua risata mi giunge mentre mi avvicino. Sei allegro oggi, allegro e ridanciano; c’è vento ed è per questo che ridi così forte, ma io voglio essere presuntuosa e penso che tu sia così perché sei contento di vedermi.

Sorrido allora e cammino più veloce; la tua voce squillante è contagiosa e il mio sorriso si trasforma presto in un ridacchiare sommesso.

Svolto l’angolo e finalmente ti vedo; tu sei lì che ridi, canti e balli, e appena mi scorgi mi inviti a raggiungerti. Corri! mi dici, e io aumento i miei passi e accorcio la distanza. Pensavo di riposarmi dopo la mia camminata ma come faccio a resistere a un richiamo così, allora mi libero in fretta delle mie poche cose e adesso non resisto e corro, corro verso di te. Un attimo e sono ai tuoi piedi, mi afferri svelto le caviglie, cerco di ritirarmi ma tu stringi più forte e non mi resta altro da fare che accompagnare il tuo gesto, i piedi si muovono in avanti e tu mi accogli nel tuo caldo abbraccio; quanto tempo, un anno e nulla ci ha cambiati, mi lascio andare a te e insieme giochiamo, ci stringiamo, ridiamo.

Mare.

Paola Gradi

Foto in alto: Isadora Duncan

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Solve : *
4 − 4 =