La poesia nel dì di domenica: “Le stelle brillano” di Katia Zattoni

Katia Zattoni -Vincent-Van-Gogh-Notte-stellata-sul-Rodano
Protagonista della nostra rubrica oggi è un’avvocata impegnata politicamente e nel sociale con una grande passione per la poesia.

«Ho incontrato la poesia di Katia Zattoni quando l’avventura delle edizioni L’arcolaio di Gianfranco Fabbri muoveva i primi passi; la sua raccolta, Bucare la polvere, uscì nel mese di maggio del 2008 per entrare in casa mia quasi subito. Mi colpì nei suoi versi la capacità di osservare e criticare il quotidiano rovesciando le logiche che lo regolamentano.

Katia Zattoni
Katia Zattoni

Una lingua secca, scarna ma mai povera; un verseggiare sorretto da un ritmo che non cede mai, e che fa perno a volte nel sapiente gioco di inarcature, altre volte nella disposizione costante degli accenti; e questo perché Katia Zattoni, pur disincantata, non ha mai perso fiducia nella parola come testimonianza del vivere. Katia Zattoni è morta due giorni fa, l’8 ottobre scorso, di pomeriggio. Il miglior modo per ricordarla è leggerla.» Con queste parole Fabio Michieli ricorda Katia Zattoni, protagonista oggi della nostra rubrica, su PoetarumSilva nel mese di ottobre del 2013.

Katia Zattoni, avvocata e assessora del Comune di Forlì, aveva quarantacinque anni e da tempo conviveva con la fibrosi cistica. In città era molto amata per la sua sensibilità e per l’impegno civile. Il suo nome spesso appariva in progetti a favore delle persone più deboli e discriminate, come quelli in collaborazione con la Casa Circondariale della sua città, o legati alla Marcia della Pace Forlì-Bertinoro, che si svolge da alcuni anni.

Autrice di diversi manuali di Diritto civile, Zattoni aveva una grande passione per la poesia. E aveva talento, perché sono molti i premi che le sono stati attribuiti. Tra questi il Coop for words, nel 2003; il concorso nazionale di poesia a tema Il sogno delle donne, l’anno successivo. Nel 2005 conquistò il primo posto nella sezione poesia del concorso Sguardi sulla città, patrocinato dall’Unione Europea e dalla Regione Emilia Romagna.

Nel 2008,con la casa editrice L’Arcolaio di Forlì, ha pubblicato la silloge Bucare la polvere che contiene la poesia che vi proponiamo oggi. L’elaborazione video è curata da Debora Menichetti.

Serena Betti

in alto: Vincent Van Gogh, Notte stellata sul Rodano

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Le stelle brillano anche quando la notte è finita

Le stelle brillano anche
quando la notte è finita
e se non le vediamo
è per difetto di costruzione,
– errore di calcolo che
modella la nostra essenza -.

Adoriamo l’ovvio, consumiamo
l’usuale e non deviato,
film e biscotti della pubblicità;
seguiamo i consigli per gli acquisti,
evitando con cura l’intrigante,
il curioso movimento
laterale che sfiora appena i sensi.

E mentre predichiamo che
l’altro è diverso, abbiamo deciso
che chi muore scompare,
che la guerra è terapia chirurgica
dagli insoliti effetti collaterali.

Ma se chi muore scompare
forse più tardi tornerà, come
la luce delle stelle che brillano
anche quando la notte sarà finita.

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
29 − 20 =